Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

1.036 views

IL LAVORO AL CENTRO

noto nostraE’ bastato dare tempo al tempo perché la già avviata campagna elettorale, mostrasse il reale volto dei prodotti di 5 anni di un’amministrazione segnata dall’affannata ricerca di visibilità e potere personale. Ecco che il “totocandidature” tira fuori nomi e cognomi di alcuni di quei personaggi chiave del quinquennio, che più che al Progetto Noto, sono stati dediti al Progetto Poltrona!

Improvvisamente, dopo anni di collaborazione alle volte a tutti i costi e con chiunque, il Sindaco Bonfanti per taluni suoi alleati portati agli onori della cronaca e della visibilità da lui stesso forse anche con un pizzico di ingenuità, non è più l’uomo giusto per continuare l’opera. Qualche pasto è risultato forse indigesto e i mal di pancia sono di sorpresa diffusi.

In perfetta coerenza e continuità con una politica fatta di eventi ed effimero, si susseguono dichiarazioni avvincenti e slogan banalmente entusiasmanti e facilmente condivisibili, ma senza dare alcuna garanzia pratica di attuazione poiché questa non attiene alle belle parole ma unicamente alla persona che le pronuncia. La credibilità è altra cosa e non tutti possono permettersi di dare le opportune garanzie ai propri bei proclami.

Nel caos più generale di quel fenomeno che in molti hanno definito “candidite”, la necessità di stupire e non apparire uno dei tanti confondendosi tra la massa, ha costretto molti ad alzare la posta anche con le proposte più fantasiose talvolta pescate qua e là per il web e che poco occorrono per soddisfare pienamente i bisogni e le aspettative di una Città che può e merita di viaggiare con altra velocità.

Così, quasi per magia, il problema del lavoro sembra già essere stato risolto e non essere più attuale e pregnante; d’un colpo sono svaniti i bisogni delle famiglie per arrivare a fine mese, la frustrazione dei tanti che lo hanno perso, la disoccupazione giovanile e la fuga dei giovani e meno giovani verso altri lidi dove è possibile avere opportunità specifiche per esprimere le proprie abilità e dare sfogo alle proprie passioni.

Il lavoro deve necessariamente ritrovare la sua centralità, occorre tornare coi piedi per terra e dire ai netini quali siano gli strumenti che verranno messi in campo per creare nuove opportunità lavorative e soprattutto fornire le giuste garanzie per l’attuazione di ogni programma.

L’assistenzialismo non è l’unica soluzione, ma solamente uno strumento da mettere in campo dopo aver cercato veramente di mettere in moto l’economia locale a tutti i settori, da usare dunque solamente per aiutare coloro che nonostante tutto, hanno ancora bisogno d’aiuto.

La stessa macchina delle cooperative fatta per illudere il disoccupato rassegnato e costringerlo a mansioni che poco hanno a che fare con le effettive capacità lavorative, non può essere la panacea di un male tanto diffuso e spietato, ancor più se viene messa in campo per strumentalizzazione politica del bisogno e della disperazione.

Il lavoro si crea con un’amministrazione pronta e disponibile attenta ai bisogni reali, che non distingue tra figli e figliastri, che collabori anche con l’investitore privato, che faccia si che la burocrazia sia chiara, snella e con regole certe e condivise, che sappia produrre progetti finanziabili che creino opportunità di lavoro attingendo ai finanziamenti europei ad esempio, piuttosto che ai mutui che gravano sulle spalle dei cittadini e sulle future generazioni.

E’ sul lavoro che occorre gettare le fondamenta della Noto che verrà e che potrà competere a testa alta nel mondo senza alcun compromesso.

Noto, lì 19/02/2016

Corrado Greco

Coordinatore del Movimento Noto Nostra

 


Questo articolo è stato visualizzato 1.075 volte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *