Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

576 views

VERGOGNA!

CAPOCome non condividere!

Ma glielo avete detto che la Città non è “cosa sua”?

“Si chiude questa mattina con la presentazione alla stampa del nuovo ingresso in giunta comunale e del riassetto delle deleghe assessoriali” il sipario su uno spettacolo disarmante e patetico che se fossimo a teatro sarebbe tutta una indignazione tra fischi e restituzione del costo del biglietto.

E non serve più parlare di Progetto Noto, quel progetto programmatico-politico costruito dal basso su principi di solidarietà collettiva e managerialità pubblica tarati sulla città che ben oltre destra, sinistra e desiderata di segreterie dei partiti di turno, guardava il Municipio come casa della comunità, il sindaco come primus inter pares e la giunta longa manus operativa per risolvere problemi atavici che solo interessi, incapacità e miopia avevano trascinato così a lungo e dare risposte concrete a cui serve solo buon senso. Siamo distanti anni luce da quelle belle parole e buone intenzioni e dalla pur minima parvenza di buon senso…

E non serve nemmeno parlare degli uomini, l’uomo, in cui stoltamente avevamo riposto fiducia e che abbiamo trasformato in sindaco nonostante defaiances personali e politiche, sostenuto nonostante egocentrismo, incapacità e quella insopportabile (che pur ho sopportato) viltà di un contrasto continuo, tra la sua ‘visione’ e il progetto, mai affrontato apertamente ma sempre smussato, velato, opaco attuato in azioni, omissioni, atteggiamenti, silenzi e parole contro idee, metodi e persone a favore di altri metodi, idee, persone e che nonostante affabili apparenze ecco che alla lunga come ogni cosa è venuta alla luce, voilà.

Non ci sono parole, oltre le tante piccole e grandi cose vissute, contrastate, subite personalmente, le piccole e grandi cose viste e lette successivamente, ecco che questa ultima, decisiva, “manovra di giunta” racconta da sola tutta la storia – con opportuni spostamenti gattopardiani di persone e deleghe e l’ingresso di un funzionario di un altro comune posto a governare il nostro non certo per merito, capacità o interesse pubblico (non è una questione di campanile) ma per servizio clientelare ad un Dante causa che alla città di Noto guarda con un interesse diverso di quello della comunità e che ha ancora da scontare la promessa pubblica sulle sorti dell’Ospedale mentre, proprio in questi giorni, ne stanno sancendo l’irreparabile chiusura.

Leggo tra volti e deleghe un classico “assalto alla diligenza” e mi domando che c’entrino Seby Ferlisi e Cettina Raudino, persone perbene che lavorano per le idealità, a sorreggere, (come pure io per un momento ho fatto convinta quantomeno di ‘presidiare il territorio’ per evitarne ogni scempio e non potendo fare altro, e pur essendo momento “ancora fresco” e diverso lo stesso me ne vergogno), il grande bluff di un impostore che tutti ci ha usati per il ‘suo’ progetto.

Tante cose possono accadere in anni che passano e avendo a che fare con le persone, ma certi limiti andrebbero sempre tenuti a mente e mi dispiace dover tornare a ripeterlo. Ne basti uno: la dignità. E se non lo si è voluto fare con le singole persone, come con me prima di altri, e pur tuttavia, io per prima, glielo si é fatto passare, non lo si può fare con la comunità. Governare la città non vuol dire che è “cosa tua”, pareva ovvio che fosse un “servizio” ma nulla è rimasto dell’ovvio come dei motivi di quel ruolo. Solo il danno materiale e morale (e lo vedremo fino all’ultimo anno) e un pessimo esempio per la politica e le persone.

Progetto Noto è un marchio tutelato che diffido definitivamente ad usare perché per chi non ha vergogna esiste la legge, e che racconta un’altra storia: di persone perbene, idee illuminate, altruismo e generosità sociale, uno stile umano e politico che non ha nulla a che fare con quello che è diventata questa amministrazione.

Ricominceremo, di nuovo dal basso e con lo stesso obiettivo ma con la cicatrice di una brutta esperienza personale e pubblica che fa male, che rappresenta un errore, di cui non posso che chiedere scusa e tenere conto nel tempo che verrà e con un interrogativo per cui non ho risposta: è davvero questo lo stile della nostra comunità?

L’indignazione di questi ultimi tempi ed il personale senso di vergogna mi dicono di No.

Chissà che non sbagli anche stavolta..

Costanza Messina

 


Questo articolo è stato visualizzato 478 volte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *