Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

545 views

PIAZZALE LIDO: IL PROGETTO DI RIPRISTINO DEL MURO

piazzale lidoLa giunta comunale ha esitato il progetto per il ripristina e la messa in sicurezza del muto di sostegno del piazzale lido di Noto.

Per i lavori di messa in sicurezza e ripristino del muro di contenimento del piazzale centrale venuto giù, a più riprese, tra l’inizio di dicembre e la metà di aprile, il Comune ha affidato incarico a un progettista esterno all’ente.  “Per le difficoltà riscontrate a rispettare i tempi stabiliti per la redazione del progetto esecutivo – spiega il responsabile del Settore Lavori pubblici del Comune, Giuseppe Favaccio -, non è possibile assegnare a personale interno le prestazioni professionali relative sia alla direzione dei lavori sia al coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dei lavori”.

A breve la gara con il cottimo fiduciario.

In allegato la delibera di giunta corredata dai verbali della conferenza di servizi.

Carmelo Filingeri

 







Questo articolo è stato visualizzato 620 volte

4 Responses to PIAZZALE LIDO: IL PROGETTO DI RIPRISTINO DEL MURO

  1. avatar

    Stefano Alderuccio Rispondi

    14 maggio 2015 at 15:58

    Lo studio geologico nel documento dice chiaramente quello che anche un non-tecnico può dedurre sul posto. L’azione sotterranea del mare fragilizza il piazzale ma crea in ogni caso un rigonfiamento delle terre interne al muro di contenimento che esercitano una pressione su tale muro. Per questo il geologo propone (ma sbagliando poiché crede che l’unica soluzione (o quella richiestagli dal Comune) consista nel ricostruire il piazzale tale e quale), di ricostruire il muro su delle nuove fondamenta ma molto più profonde.

    La ricostruzione del muro di contenimento esattamente nella stessa zona sono soldi dei cittadini buttati al vento. L’azione del mare prima o poi lo farà esplodere di nuovo. Bisognerebbe invece ridisegnare il piazzale e arretrare il muro creando più spiaggia.

    Ma Archimede non era di Siracusa ?

    Saluti,

     

  2. avatar

    daniele manfredi Rispondi

    15 maggio 2015 at 06:37

    Caro Stefano il professionista incaricato esaminata la relazione geologica esamina le possibili soluzioni ,le indagini danno le indicazioni su dove attestare le eventuali fondazioni.Esaminati i risultati corsi e ricorsi storici del mare propone la soluzione migliore.A mio avviso occorre tenere presente il vecchio limite della Piazza che non ha mai avuto cedimenti e per la parte nuova non necessariamente intervenire con un muro in cemento armato.Esistono tecniche ben conosciute per ricostruire il muro  con tecniche naturalistiche a “secco” che darebbero piu’garanzie nel tempo.Se si perde qualche metro  non succede nulla i problemi su Lido di Noto rimangono gli stessi.Mi sono permesso di dire queste cose ancora prima delle indagini.

  3. avatar

    stefano alderuccio Rispondi

    15 maggio 2015 at 22:10

    Ciao Daniele. Si ho visto dei muri a secco lungomare (spesso inclinati) esteticamente belli. Ma qui il problema è che parliamo tra di noi, quando l’Ammin. ha già deciso di spendere i soldi per riparare in urgenza e non per ripensare il piazzale e la spiaggia alla luce dell’erosione. Peccato.

    Saluti,

  4. avatar

    D.M Rispondi

    16 maggio 2015 at 09:55

    Carissimo purtroppo è così non si riesce a lavorare in modo collegiale nonostante tante volte la soluzione sia li a portata di mano ci sfugge.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *