Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

2.043 views

PER DOVERE DI CHIAREZZA E APPROFONDIMENTO

yes manCaro Sindaco, come vede nessuna strumentalizzazione, sarebbe solo bastato non avere una inutile fretta, perchè approvare il bilancio preventivo a settembre, ottobre o addirittura al 30 novembre è di per sè inutile ai fini di una buona amministrazione.

“Solo i comuni che non hanno ancora approvato il bilancio 2013 potranno continuare ad applicare la Tarsu in vigore lo scorso anno. Tutti gli altri dovranno restare con la Tares, eventualmente modificando le tariffe già deliberate. Il chiarimento è contenuto in una risoluzione che il Mef diffonderà nei prossimi giorni per fugare i numerosi dubbi interpretativi posti dall’art. 5 del dl 102/2013, così come modificato in sede di conversione. In particolare, verrà precisata la portata della seconda parte del comma 4-quater, che consente ai comuni di continuare ad applicare anche per quest’anno «la tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani (Tarsu), in vigore nell’anno 2012».” Tale possibilità verrà concessa solo ai comuni che (avvalendosi della proroga al 30 novembre del relativo termine) non hanno ancora licenziato il preventivo. Tale condizione dovrebbe essere verificata assumendo a riferimento la data di entrata in vigore della legge 124/2013 (che ha convertito il dl 102), ovvero il 29 ottobre. Al contrario, gli enti che, a tale data, hanno già approvato il bilancio potranno soltanto modificare i criteri di commisurazione delle tariffe, ma pur sempre all’interno del regime Tares. Ad essi, però, sarà consentito utilizzare tutta le altre forme di flessibilità consentite dall’art. 5. Come chiarito dall’Anci Emilia-Romagna (si veda ItaliaOggi di ieri), tale norma consente, nella sostanza, di applicare la Taresnello stesso modo in cui si applicava la Tarsu, senza la necessità di fare riferimento al piano finanziario o ai criteri di articolazione delle categorie e delle tariffe previste nel dpr 158/1999. Inoltre, non vi è né l’obbligo di considerare le componenti di costo del piano finanziario, come il Carc, né quello di articolare le tariffe delle utenze domestiche per numero dei componenti della famiglia. L’unico vincolo riguarda la necessità di dare copertura integrale dei costi, che invece non sussiste per i comuni che potranno mantenere, anche formalmente, il regime Tarsu: in tali casi, anzi, per espressa previsione del comma 4-quater, «la copertura della percentuale dei costi eventualmente non coperti dal gettito del tributo deve assicurata attraverso il ricorso a risorse diverse dai proventi della tassa, derivanti dalla fiscalità generale del comune».La circolare in via di definizione a via XX Settembre chiarirà anche un altro aspetto importante: per chi ha già dato il via libera al preventivo 2013, la revisione della disciplina dei tributi potrà essere disposta mediante una semplice variazione del documento contabile già approvato, così come chiarito dalla precedente risoluzione dello stesso Mef 1/2011. Non sarà, quindi, necessario procedere (come richiesto da alcune sezioni regionali della Corte dei conti) alla riadozione del bilancio, per la quale non ci sarebbero i tempi tecnici prima della dead-line del 30 novembre. Infine, da segnalare che da ieri, sul sito del Ministero dell’interno, è consultabile il testo del Dpcm di riparto del fondo di solidarietà comunale, il cui procedimento è in corso di perfezionamento.

Con questo si dimostra che il 20 settembre non era assolutamente obbligato a introdurre la Tares.

Questo per dovere di chiarezza e approfondimento, poi ciascuno è libero di rimanere nelle proprie opinioni.

Infine, poiché il Sindaco continua darmi dell’ignorante amministrativo, ecco l’estratto di una circolare dell’Associazione Nazionale Comuni d’Italia dell’Emilia Romagna rivolta ai Sindaci che taglia la testa al toro.


Questo articolo è stato visualizzato 792 volte

One Response to PER DOVERE DI CHIAREZZA E APPROFONDIMENTO

  1. avatar

    Carmelo Filingeri Rispondi

    14 novembre 2013 at 16:03

    Caro Corrado, vedo che in questo momento non hai la giusta serenità per essere aperto al confronto, e magari ti lasci prendere dall’irritazione.
    Tuttavia, anche in virtù del nostro lungo rapporto amichevole, mi sento titolato a dirti cose che in questo momento ti risultano sgradevoli da sentire.
    Permettimi di farTi, ancora una volta, notare che qui non si discute sulla legalità delle Tue scelte amministrative. Sul rispetto della legge non vi è alcun dubbio.
    La questione si pone, invece, sull’opportunità di tale scelte e sulle possibilità che il decreto legge n. 102 del 31 agosto dava alle amministrazioni comunali in tema di applicazione della tassa sui rifiuti.
    Il 20 settembre 2013 il consiglio comunale, su indicazione della tua amministrazione, sceglieva, legittimamente, di applicare i coefficienti Tares previsti da Monti non tenendo assolutamente conto del ventaglio di offerte del precedente d.l. del 31 agosto 2013, che, come tu ben sai, erano immediatamente esecutivi..
    Infatti tale decreto legge non viene nemmeno citato negli atti approvati dal consiglio comunale.
    Vedi Corrado, anche ad un ignorante come me è chiaro che per erogare servizi ai cittadini quali, refezione scolastica, assistenza agli anziani, manutenzione delle strade, trasporto alunni, sovvenzioni alle classi più disagiate, agli indigenti, ai disoccupati, ecc. è necessario impegnare le relative somme.
    E come cittadino avrei preferito di gran lunga che il Sindaco, che ho contribuito a far eleggere, avesse comunicato alla cittadinanza netina la necessità impellente per il bilancio comunale di applicare la Tares nella maniera come è stata applicata, piuttosto che veicolare una informazione distorta sull’obbligatorietà  imposta dallo Stato, insopportabile in questa epoca di mistificazioni politiche.
    Il cittadino ha bisogno di sapere tutta la verità, anche quelle sgradevoli, per condividerne conseguentemente le scelte.
    Credimi, gli yes-man di cui attualmente ti circondi non fanno né il bene della città né il tuo.
     
    Ad Maiora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *