Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

922 views

MA NOI NON SIAMO STUPIDI?

MAMAM’AMA non M’AMA

Stamattina sfogliando il giornale ho appreso del “rimpasto” in Giunta con tipologia metodi ed attrezzature fotografate da Roberto Nastasi su Largo Porta Nazionale.

 Non commento l’elenco dei “consiglieri” affidabili.  Viene semplicemente da ridere !!

Se chi te ne ha dette di tutti i colori in campagna elettorale e viceversa, come  mai oggi diventa affidabile?

Come al solito ….. non ci resta che piangere.

Però notizia interessante è che è un rimpasto bipartisan cosa vuol dire  che tutti si tuffano nell’attrezzatura fotografata da Roberto Nastasi “piacevolmente” ????

 Ma comunque sia nel calderone non poteva non mancare l’inserimento dell’ex vice sindaco della giunta Valvo.

Ora il Pd si dice vada a donne, l’amico Sammito già assessore in pectore,  Bianca e Terranova inamovibili, Massimo Prado “ picchì ciattocca”, Cicciuzzo  Caristia, perché sostenuto da ben 3 consiglieri comunali e dall’On.Pippo  Gianni e uno per non scontentare l’On.Pippo Gennuso, perché se si vota e  viene rieletto può essere sempre utile e siamo a 7.

Non dimentichiamo l’impegno per i quattrini che ha fatto arrivare in questa città, come il milione per il centro storico il finanziamento di Testa dell’Acqua.

Siamo in piena armonia e tornati indietro ai tempi dell’amministrazione Valvo, non c’è che dire.

Comunque questa è una riflessione da stupidi io stesso non riesco a definirla  in modo diverso, le persone intelligenti sanno che questo non succederà mai.

A meno che come dice la massima del Dott.Valvo “ solo gli stupidi non  cambiano idea”?

MA NOI NON SIAMO STUPIDI?

Daniele Manfredi


Questo articolo è stato visualizzato 551 volte

4 Responses to MA NOI NON SIAMO STUPIDI?

  1. avatar

    Admin Rispondi

    10 giugno 2014 at 14:13

    Smentito via facebook l’articolista de La Sicilia

    “Leggo con stupore i pensieri (sue o dettate da qualcuno che ha particolare interesse?) trasformati in articolo a firma di O. Gintoli pubblicato stamattina sul quotidiano LA SICILIA. Non entro nel merito del poco ammirevole quanto stravagante articolo atto a screditare la mia persona. Tuttavia comunico al non informato articolista, che suggerito da qualcuno ha voluto tirare in ballo il mio nome su un possibile toto assessori e un mio eventuale ingresso in giunta, che io non ho fatto, non faccio e soprattutto mai farò parte di questa amministrazione. Seppure confortato da una valanga di voti di preferenza non ho vinto le elezioni (in ogni caso sarei stato all’opposizione), in secondo luogo non è mia intenzione, né mio costume, salire sul carro dei vincitori, pratica che appartiene a tantissimi altri soggetti (politici o presunti tali, ma anche semplici cittadini in cerca di prebende). Non ho mai fatto dichiarazioni anzi, per dirla tutta, mi sono tenuto a debita distanza da coalizioni, partiti e movimenti. Una grossa distrazione ha alimentato le inesatte quanto frettolose riflessioni dell’articolista della Sicilia: ha confuso questi minuscoli dettagli di sedie e potere con l’amicizia personale che mi lega a un deputato regionale di Siracusa. Ma da qui a dire che potrei entrare a far parte della maggioranza di Bonfanti ne passa. Caro Gintoli non mi interessa. Ciò che possiedo, e lei ne sa qualcosa, amo conquistarmelo. Pertanto la invito a rettificare le sue impressioni su un mio ingresso nell’esecutivo Bonfanti, come da lei scritto, perché mai ci sarà. Sarebbe stato più semplice telefonarmi, avrei risposto con immenso piacere.Noto 10.06.2014 Francesco Caristia”

  2. avatar

    Conchita Rispondi

    10 giugno 2014 at 14:46

    Sono allibita! O forse no! Ma come si possono pubblicare notizie del genere mettendo sul tappeto nomi di persone sane e vegete che possono smentirti in qualsiasi momento? O si crede davvero che basti un fiume, che dico, un mare di condizonali per avere licenza di scrivere ciò che si vuole? Ha fatto bene Ciccio caristia a chiarire. Conoscendolo, so bene che parla con sincerità.Quanto a Manfredi, è stato in gamba, non c’è che dire. Si è servito dell’Assist del giovane giornalsita fantasioso per scrivere il testo di una sceneggiata napoletana in salsa notigiana. Se fossi stata in lui però, avrei curato meglio il finale. Non mi convince granché.

  3. avatar

    Daniele Manfredi Rispondi

    10 giugno 2014 at 15:50

    Gentilissima Conchita non era mio interesse scrivere una sceneggiatura lascio questo compito a chi lo sa far bene.
    Tuttavia le posso dire che è stato uno scritto così di getto senza secondi fini quindi non ho curato gli aspetti tanto meno il finale non avendo interessi nella partita che si sta svolgendo
    Cordiali Saluti Daniele Manfredi

  4. avatar

    Daniele Manfredi Rispondi

    10 giugno 2014 at 17:45

    Carissimo Carmelo mi hai mandato un messaggio dove mi dici dell’indignazione dell’assessore Raudino perchè scrivo che il PD va a donne.
    Certe volte purtroppo i titoli di studio li conferiscono buttandoli dalla finestra.
    Il sottoscritto e chi mi conosce sa che non mi piace offendere nessuno tanto meno le donne stante che sono felicemente sposato.
    Qui stiamo parlando di politica e se non si comprende il senso di quello che viene scritto dopo Bianca abbiamo un altro Assessore del PD che ha perso l’occasione per rimanere zitta.
    Perchè dare il senso malevole a quello che si scrive?
    Questo succede quando non si hanno argomenti,allora scatta l’indignazione.
    Si dovrebbe indignare la città vedendo assessori abbarbicati alla sedia che spendono cifre folli per manifestazioni inutili.
    Perchè dico abbarbicati alla sedia perchè siede li senza merito e non ha nessuna capacità di discernimento.
    IL PD IN ITALIA VA A DONNE VEDI LA BOSCHI,VEDI LA MADIA,VEDI LA SERRACCHIANI E TANTE ALTRE.
    FORSE LA SIGNORA NON APPARTIENE A QUESTO PD CHE IO NON VOTO MA RISPETTO.
    Eppure SENZA NEMMENO CONOSCERE L’INDIGNAZIONE Questa signora si permette di indignarsi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *