Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

394 views

L’OMBELICO DEL MONDO – 9 PUNTATA – “UN PO’ DI COLORE LOCALE”

[liveblog] C’è un vecchio proverbio che dice: “L’appetito viene mangiando!” e Don Waldo lo imparò velocemente, facendone il suo motto.

Sin dal secondo Consejo de la Comunidad, aumentò del 50% il gettone di presenza dei suoi insaziabili assessori e del 25% quello degli altri consiglieri, ottenendo il plauso generale … solo Evarco Espinosa cercò di opporsi, inoltrando una protesta scritta: tutto ciò era in contrasto col programma al risparmio su cui Waldo aveva incentrato la sua campagna politica, ma fu bocciata, tra i fischi e le risate di scherno.

Quindi, approfittando della confusione, Waldo l° annunciò che il suo compenso era triplicato onde potersi permettere corsi di aggiornamento culturale e di economia globale, con viaggi “d’apprendimento” in Europa, in località importanti come: Marbella, Ibiza, St. Tropez, Montecarlo, Amalfi, Taormina ed infine le isole Greche.

Al terzo Consejo, dette l’autorizzazione alla messa in pagamento di tutti i crediti che suo cognato Pablo Tiburon vantava nei confronti dell’Amministrazione di Santa Caterina, per operazioni eseguite col precedente Alcalde e la passata Giunta: 12.700.000 di pesos, arrotondati a 13 milioni per interessi maturati ed una non ben specificata svalutazione … nello stesso Consejo gli fece ottenere la concessione per la costruzione del complesso “Las Palafittas” in località Matadero, da anni considerata “area protetta” per l’importanza naturalistica, su preciso consiglio dell ‘UNESCO … l’unica clausola imposta fu che non si potevano eliminare gli squali e altri pesci voraci … che dimoravano in quelle acque!

Nei primi mesi impose nuove tasse o aumentò quelle già esistenti.

Dopo un bellissimo discorso di due ore e dieci sulla piazza, davanti al Palacio de Gobierno, con un’oratoria appassionata ed elegante nei gesti, informò i “suoi ” concittadini che era costretto ad imporre qualche sacrificio per coprire il “buco” lasciato dai suoi predecessori, ma che il sangue, il sudore e le lacrime di oggi, sarebbero poi state ricompensate con piogge di denaro, opere faraoniche, feste indimenticabili ed un radioso futuro per i loro nipoti … al termine ci fu distribuzione gratuita tra il pubblico di una grossa quantità di “erba” .offerta dal “cartello” deinarcotrafficanti messicani di”Arriba humo”

Tra le nuove gabelle approvate, suscitò stupore e una certa curiosità quella sugli scarafaggi e i mosquitos … più le abitazioni ne erano afflitte e più i residenti dovevano pagare … e anche la tassa sul numero dei panni appesi ad asciugare, ma siccome la popolazione preferiva girare sporca, fu trasformata in “una-tantum”! …inoltre, furaddoppiato il prezzo dell’acqua, già molto elevato, e quello sui rifiuti urbani … e i prezzi dei trasporti pubblici furono equiparati alle tariffe aeree della “Pari-America” !

Contemporaneamente furono stabilite nuove esenzioni per i grandi proprietari terrieri e … “Udite! Udite!” … fu deciso all’unanimità … unico voto contrario quello del solito Espinosa … che, ogni lavoratore dipendente nelle piantagioni, doveva “donare” volontariamente e gratuitamente dieci giornate di lavoro, al suo Datore per potere acquistare beni e merci, spesso da lui prodotte e invendute, da inviare ai paesi poveri del Terzo Mondo!

Come ciliegina sulla torta, l’assessore Chupasangre, noto diabetico, aveva avuto la geniale pensata di imporre una tassa sui gelati e sulle granite, ma Felipe Boyero, stranamente illuminato sulla via di Damasco ed Hector Canario, direttore del periodico “La Victoria”, assunto in qualità di consulente personale di don Waldo, lo sconsigliarono vivamente, facendogli notare che la cosa avrebbe potuto essere mal digerita e … qualche concittadino avrebbe potuto voler “vedere” il colore del loro sangue … la proposta fu subito accantonata!

Don Waldo si fece disegnare e confezionare 24 nuove sciarpe da inaugurazioni e da cerimonie dal celebre Percival Union-Jack, il migliore specialista in questo settore, il quale gli propose anche due divise per gli avvenimenti eccezionali: una da Gran Contrammiraglio, bianca con alamari e bottoni in oro, stivali di tapiro bianco e spada con manico tempestato di brillanti ed una nera, modello “Himmler”, con alamari rossi e rubini al posto dei bottoni.

Le sue fotografie in divisa fecero il giro del mondo.

Assunse anche tre nuove segretarie personali, splendide mulatte, delle quali dimenticò di farne menzione alla moglie Ines, ma soprattutto a dona Isabel.

Tutti ancora ne ricordano una con particolare piacere: la famosa Lili Prosperosa, una mulatta color cannella: 1,78 per 102-60-98, ragazza eccezionalmente dotata … e molto efficiente, riusciva stenografare anche quattro lettere durante un rapporto sessuale … dopo 13 mesi di ininterrotta attività chiese un congedo dal lavoro … per una pausa di riflessione … sua sorella Romina, una ragazzina di tredici anni, tutta acqua e sapone, innocentemente svelò il motivo della … pausa: sua sorella Lili era rimasta … temporaneamente … incinta.

Proprio in quel periodo l’ Alcalde inaugurò, sulla piazza principale di Tierra de Agua, una statua, rappresentante dona Isabel, col chihuahua in braccio e lo sguardo rivolto verso la Capitale … alla cerimonia era presente la suocera, visibilmente commossa e mentre scopriva l’opera scultorea, finse di ignorare il velenoso brusio degli spettatori alle sue spalle, che commentavano salacemente la pausa … di riflessione della Prosperosa, anzi, al successivo rinfresco, parlando con i notabili locali, si erse in tutta la sua persona e la ricusò come maldicenze e cattiverie degli sconfitti avversan politici (!?)

Al secondo anno del suo mandato Waldo l° partì per il suo viaggio di aggiornamento in Europa … il quale durò 72 giorni ed raggiunse l’equivalente del costo di una finanziaria per una nazione di media grandezza … al ritorno raccontò di avere raccolto molte idee interessanti per lo sviluppo di Santa Caterina … soprattutto ad Ibiza, Cannes, St.Tropez, ed una nuova località italiana specializzata nel turismo notturno: Riccione.

Per il bene della sua città aveva trascorso faticosissime e sudatissime serate nelle mega-discoteche di queste località onde poter apprendere tutti i “segreti” delle nuove correnti musicali e alcooliche e delle “mode” che spostavano i “flussi” turistici internazionali.

I concittadini, i quali consumavano pantaloni e giornate sulle panchine delle belle piazze di Santa Caterina, discorrendo sui “flussi internazionali” ebbero dei dibattiti molto accesi e, al termine dei quali, molti settantenni presi dall’ entusiasmo s’iscrissero a corsi di “Lambada”, nonostante qualche medico, soprattutto quelli della vecchia generazione, ne sconsigliassero l’uso frequente.

Insomma possiamo ben dire che i primi due anni per don Waldo furono un regno di … Bentegodi … una lunga e deliziosa “luna di miele”.

Finchè un cupo giorno di primavera …

 


Questo articolo è stato visualizzato 274 volte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *