Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

350 views

LOMBARDO: L’MPA? MOLTO DELUSO …. DA MOVIMENTO A PARTITO DI POTERE

Il governatore siciliano Raffaele Lombardo è critico nei confronti del Mpa: “Sono deluso dall’evoluzione del mio movimento. Prima le masse si muovevano, poi si è trasformato in un partito del potere e di governo. E’ accaduto che si veniva agli appuntamenti per chiedere un posto di governo o di sottogoverno. E’ necessario tornare all’origine e riscoprire i valori di appartenenza. L’identificazione dei partiti in un uomo solo è un errore, servono partiti pluralisti che ora non ci sono. Non c’è responsabilizzazione della classe dirigente locale, credo che l’Mpa si sia troppo identificato con il governo regionale”.

Ai lavori d’apertura del “Forum interistituzionale – Quali nuove politiche europee di fronte ai cambiamenti nel Mediterraneo e nel mondo” in programma a Palermo nell’ambito delle manifestazioni per i 66 anni dell’autonomia siciliana, il presidente della Regione boccia anche il Terzo polo. “Pare che adesso non ci sia più, io non ho mai creduto a questo progetto in tempi non sospetti”.

E’ stata l’occasione per fare il punto sulla politica regionale, sulle alleanze future e sulle sue imminenti dimissioni. “Quando lascio? Preferisco la strada dei 90 giorni, il tempo previsto dalla legge per andare a votare dopo le dimissioni. Tecnicamente si potrebbe fare anche prima, mi pare 55-60 giorni… ma vedremo”.

Sulle scadenze elettorali è certo: “Ripeto, si voterà a ottobre. Non so se l’Assemblea regionale nel frattempo abbia voglia di fare qualcosa. Dovrebbe per esempio legiferare sulle Province e aggiustare le norme impugnate dal commissario dello Stato. Un rimpasto di governo? C’è da coprire l’assessorato alla Famiglia e poi se ci fossero anche altri assessorati da coprire in vista delle elezioni regionali di ottobre si potranno liberare degli spazi che saranno coperti. I nomi? Ancora è presto”.

Alla domanda dei cronisti se il Pd farà parte di questa nuova Giunta, Lombardo ha risposto che “il Pd non c’è mai stato, non credo che ci sarà. Chi è del Pd? Lo hanno sempre detto. Il Pd ha sostenuto l’azione riformatrice di questo governo ma ormai siamo agli sgoccioli. La sostituzione riguarderà uno o due assessori al massimo. Lo spazio c’è già alla Famiglia e obiettivamente non è più il caso che io lo tenga ad interim, sarà semplicemente un rafforzamento e un completamento della squadra di governo per queste ultime settimane.

L’on.le Gennuso condivide le esternazioni del presidente Lombardo o sta cominciando a battere un nuovo sentiero?


Questo articolo è stato visualizzato 267 volte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *