Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

483 views

LA TRAZZERA E IL VICOLO CIECO

siciliaaffondaC’è uno sterrato, una trazzera, una regia trazzera che giorno dopo giorno metaforicamente si allarga e si allunga fino a diventare una autostrada che porta dritto dritto a Palazzo D’orleans.

E c’è, invece, un partito che non riesce più a muovere un passo, infilato in un vicolo cieco, un vicolo a cui la toponomastica elettorale ha assegnato un nome e cognome: Rosario Crocetta.

E c’è una insofferenza popolare, ormai diventato boato, che solo i vertici e gli onorevoli regionali del partito democratico si ostinano a non sentire.

La tragedia politica del PD siciliano è tutta qui.

Il peggiore incubo che si potesse immaginare, il dubbio che ormai attanaglia le menti dei dirigenti del Pd (alias Partito democristiano) siciliano e impedisce persino di ragionare.

La scelta tra l’atto di coraggio, andare al voto, perdere ma ridare almeno la speranza del cambiamento al popolo siciliano, oppure galleggiare, aspettare e infine straperdere alla scadenza elettorale portando alla definitiva rovina la sicilia, una nuova isola ferdinandea che si inabissa nell’oceano del malaffare, dell’illegalità diffusa, dell’opportunismo familistico e personale.

Un atto di coraggio o tirare a campare!

Alla fine sceglieranno la seconda perché Crocetta ha messo sul piatto il governo politico, quindi qualche onorevole potrebbe avere nel suo cursus disonorum la targhetta di assessore, gli altri i famosi 15000 euro ancora per lunghi mesi e poi si vedrà ……… magari un colpo di fortuna. In fondo anche loro tengono famiglia!

Nella lontana periferia del consolato palermitano, la consapevolezza di un fallimento politico è merce alquanto rara, pochissimi la espongono, tutti gli altri preferiscono l’appartenenza acritica ad un comodo sistema di piccoli privilegi, rinserrando le fila, sotterrando le asce di guerra delle correnti e preparandosi alla battaglia sul mantenimento del piccolo potere locale, magari pronunciando parole ben infiocchettate, ma che rimangono solo parole a cui la gente non crede più.

E alla fine perderanno pure loro!

Carmelo Filingeri


Questo articolo è stato visualizzato 526 volte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *