Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

1.108 views

LA STORIA INFINITA DELL’EX CONVENTO DEI CROCIFERI DI NOTO

STORIA INFINITA«Quando l’irresponsabilità delle Pubbliche Amministrazioni aggrava la crisi del settore edile. Noto e Solarino spieghino i motivi del blocco di due importanti opere.» Lo chiede in una nota il segretario generale della Filca Cisl Ragusa Siracusa, Paolo Gallo, citando due lavori appaltati dai Comuni. L’attenzione del sindacato si concentra, in particolar modo, sul restauro e conservazione dell’ex Convento dei Crociferi di Noto e sulle opere di urbanizzazione relative al piano per gli insediamenti produttivi di Solarino.

«Due vicende che hanno del paradossale se non ci fosse in ballo l’occupazione per il settore edile – aggiunge Gallo – La storia di Noto è incredibile. Il bando, da oltre 2 milioni di euro, viene prima pubblicato nel novembre 2011, a maggio del 2012 per ‘motivi imprevisti’ la gara viene spostata a data da destinarsi, un anno dopo viene chiesto alle ditte di confermare le offerte presentate dodici mesi prima. Finalmente, il 30 settembre del 2013, la commissione aggiudica al C.A.E.C. di Comiso la gara in questione. Nel febbraio del 2014, il vicepresidente del Consorzio, riceve dallo stesso sindaco Corrado Bonfanti, preoccupato per il perdurare della crisi, la rassicurazione che la consegna dei lavori sarebbe avvenuta entro il successivo mese di marzo.

Da quel momento, però, – ricorda ancora Paolo Gallo – le comunicazioni tra il Comune e la ditta, che continua a sollecitare l’amministrazione, si interrompono. La sorpresa arriva nel mese di maggio quando, da palazzo Ducezio, parte una nota a firma del Responsabile unico procedimento: i lavori non possono essere consegnati perché il Comune sta procedendo all’espletamento delle procedure atte a rendere disponibile tutto l’immobile, parte pubblica e privata. Tutto questo a distanza di due anni!»


Questo articolo è stato visualizzato 943 volte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *