Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

460 views

IL PD RITIRA LA SUA DELEGAZIONE DALLA GIUNTA GAROZZO

garozzoE per molti sono solo rose e fiori

Il PD ritira la  sua delegazione dalla giunta Garozzo, questa la decisione assunta dalla direzione provinciale riunitasi nella sede di via Socrate, al termine di un  lungo incontro  terminato attorno alle 22 di venerdì. I termini della  decisione saranno divulgati in un documento che sostanzialmente critica l’operato del sindaco Giancarlo Garozzo  nel revocare  l’assessore  in giunta alla componente cuperliana  senza nessun confronto.

L’assessore Alessio Lo Giudice è l’unico a essere stato licenziato in tronco dal sindaco  con la incomprensibile motivazione divulgata: “si tratta solamente di un fatto politico” perché nulla era da rimproverare all’assessore”.

Nel documento  della direzione del PD  non si legge nessun punto che non sia di apertura, a partire dall’invito a Garozzo di ripensare il suo gesto di rottura, mentre si  dà mandato alla segretaria  provinciale di aprire un dialogo con il sindaco  per cercare i punti di ricucitura dello strappo.  

Stante il documento   che sarà diffuso nella giornata di sabato  i restanti assessori del  PD, Liddo Schiavo e Fabio Moschella,  dovrebbero rassegnare le dimissioni , ma, si tratta di semplice teoria. Infatti, Liddo Schiavo  non ha mai riconosciuto la segreteria del PD siracusano, come raccontano le cronache della guerra in atto da  oltre un anno ed avendo presentato una richiesta di annullamento del Congresso  provinciale  alla Commissione  nazionale di Garanzia, attende ancora una risposta.

Altro assessore  invitato a lasciare la Giunta Garozzo  è Fabio Moschella  indicato  dall’area  Dem  di  Pupillo, Amoddio e Di Marco. Sarebbe una vera sorpresa  scoprire che Moschella  è disposto ad accettere  il “suggerimento” della direzione e del vertice Dem. Questa, infatti, sarà l’occasione che farà emergere  che  Moschella  in amministrazione non  rappresentava chi lo aveva indicato, bensì,  i renziani dell’area Innovazione, come i bene informati mormorano già.   

Da oggi  il sindaco di Siracusa, che  risulta essere inserito in un organismo nazionale del  PD,  si trova ad affrontare il problema di non avere  in Giunta rappresentanti  del  PD  con la copertura del partito. Il sindaco Garozzo, avendo appreso in nottata  della decisione della Direzione Provinciale PD  avrebbe tentato di minimizzare, però, si sarà trattato di un semplice  atteggiamento di facciata per mantenere serene le sue truppe cammellate. Se non fosse così, si dovrebbe parlare di  gravissimo strabismo politico, dal momento che il problema  esiste ed è anche rilevante.

Almeno fino a quando  il PD che ha ritirato la delegazione dalla Giunta  è quello  che ufficialmente viene riconosciuto  da tutte le autorità e le rappresentanze statutarie interne.  

Non ci resta che attendere come risponderà Garozzo  a Carmen Castelluccio quando lo inviterà a discutere del caso esploso con l’estromissione dell’assessore cuperliano. Da ricordare che i renziani  di Garozzo da  oltre un anno considerano la Castelluccio  una “ usurpatrice” della carica che detiene nel partito.  Si deve registrare a margine della vicenda il gesto di buona volontà,  dimostrato dal sindaco, nel fare  slittare la nomina dei tre nuovi assessori al posto dei dimissionari Giansiracusa e Pane  e del revocato Lo Giudice. Un gesto di cortesia richiesta,  che probabilmente non avrà laconseguenza di apertura al dialogo. Un paio di giorni di riflessione, certamente, non faranno male a nessuno, anzi…     

www.lanota7.it


Questo articolo è stato visualizzato 299 volte