Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

393 views

FUGA DA GOVERNO LOMBARDO

Grandi manovre in vista delle dimissioni annunciate dal governatore Raffaele Lombardo per il 28 luglio per consentire il voto anticipato a fine ottobre.
  “Sono entrato a far parte della giunta di governo regionale -ha spiegato Marino- in ragione del ruolo dichiaratamente ‘tecnico’. E’ nei fatti tuttavia una sempre piu’ marcata, progressiva connotazione politica dell’esecutivo regionale, nel contesto di un confronto politico destinato a diventare ancora piu’ serrato in vista del oto di ottobre”. E molti ritengono imminenti altre dimissioni, come quelle dell’assessore alle Risorse agricole Elio D’Antrassi, tecnico in quota Mpa: gli subentrerebbe l’ex deputato del Pci Francesco Aiello. Vacillano anche i tecnici vicini al Pd, Pier Carmelo Russo e Mario Centorrino. Per domani e’ convocato il gruppo Pd all’Ars che dovra’ decidere se togliere il sostegno a Lombardo. Del resto e’ stato chiaro Lino Leanza, deputato regionale Mpa e fedelissimo di Lombardo: “Il dato politico del rimpasto di giunta e’ che cambia la maggioranza e il governo Lombardo si avvia a diventare sempre di piu’ un governo monocolore. Il Pd non c’e’, c’e’ il Nuovo Polo e pezzi di altri partiti”. Intanto, cresce il ‘partito’ dell’autoscioglimento dell’Assemblea regionale: servono le dimissioni di 46 deputati su 90; attraverso il tam tam su twitter e LiveSicilia.it e’ arrivata la disponibilita’ trasversale di venti onorevoli: dal Pdl al Pid fino all’Udc; solo uno del Pd (Davide Faraone), gruppo di maggioranza relativa all’Ars. Almeno un’altra ventina e’ pronta a staccare la spina con un mozione di sfiducia al governo Lombardo. Il conto alla rovescia continua. (AGI) Mrg


Questo articolo è stato visualizzato 307 volte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *