Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

887 views

COME SI CALCOLA LA NUOVA IMU

Continua il nostro percorso di avvicinamento all’IMU, la nuova tassa che sostituisce nei fatti la vecchia ICI.

Ricordiamo che attualmente le aliquote ICI del comune di Noto sono le seguenti:

 A) 7 per mille quale aliquota ordinaria da applicare sul valore di tutti gli immobili soggetti all’imposizione tributaria prevista dal D. Lgs n. 504 /92 ad eccezione di quanto stabilito al successivo punto B);

B) 4,25 per millequale aliquota ridotta da applicare sul valore delle seguenti unità immobiliari:

                • Unità immobiliare adibita ad abitazione principale nella quale il contribuente – che la possiede a titolo di proprietà, usufrutto o altro diritto reale di godimento o in qualità di locatario finanziario – risiede anagraficamente e appartenenti alle categorie A1, A8 e A9 e relativa pertinenza in quanto così come a lato specificato le altre categorie adibite ad abitazione principale sono escluse totalmente dall’ICI;
                • Unità immobiliare posseduta nel territorio del comune a titolo di proprietà o usufrutto da cittadino italiano residente all’estero per ragioni di lavoro, a condizione che la stessa non risulti locata;

L’Imu ha fatto un nuovo passo avanti con l’approvazione di un emendamento al decreto legge sulle semplificazioni. A che punto siamo?
Il percorso non è ancora completo e molto potrebbe cambiare prima dell’approvazione definitiva (attesa entro Pasqua). Ma quanto deciso ieri dovrebbe mettere alcuni punti fermi. In particolare sembra risolta la spinosa questione sollevata dai Caf (i centri di assistenza fiscale) secondo i quali non sarebbe possibile pagare l’Imu entro giugno, nemmeno se le scadenza di Pasqua fosse rispettata, visto che c’è ancora altro da decidere (per esempio le aliquote dei Comuni) e i tempi stringono. Di conseguenza il 16 giugno verrà pagata solo la prima rata «senza applicazioni e interessi», nella misura del 50% dell’importo ottenuto applicando le aliquote di base e tutte le detrazioni previste.

Ma che cos’è l’Imu e perché se ne parla così tanto in questi giorni?
È l’Imposta Municipale Unica sugli immobili di proprietà che sostituisce sia l’Ici sia l’Irpef sui redditi fondiari. Il motivo per cui se ne parla molto è che si tratta di un’imposta pesante, una vera patrimoniale sulle case e su tutti gli altri edifici. Pesa molto più dell’Ici perché la vecchia tassa (almeno nell’ultima versione) esentava dal pagamento le prime case. Un secondo fattore di aggravio è dovuto al fatto che per l’Imu sono previsti dei moltiplicatori molto onerosi.

Come mai è stata introdotta?
Data la situazione di allarme rosso delle finanze pubbliche (sia statali sia locali) c’era necessità assoluta di fare cassa e da questo punto di vista gli immobili sono una fonte di tasse facile, come per altro verso capita per la benzina e il gasolio auto. D’altra parte è giusto rilevare che un’imposta equivalente all’Imu esiste negli altri Paesi europei, quindi si può ritenere fisiologico. Diverso problema è discuterne il peso.

In che maniera si calcola?
Il punto di partenza è la rendita catastale dell’edificio di cui si è proprietari. La rendita va aumentata del 5% e poi parametrata a un coefficiente di rivalutazione variabile a seconda della categoria catastale dell’immobile. A questo valore si applica l’aliquota (quella di base può essere aumentata o dimimuita dai Comuni) e dal risultato si sottraggono le detrazioni forfettarie.

A quanto ammonta l’aliquota?
Al 4 per mille (detto altrimenti allo 0,4%) per la prima casa e al 7,6 per mille (o 0,76%) per gli altri immobili. I Comuni possono aumentare o diminuire l’aliquota dello 0,2% sulla prima casa (sulla quale si paga quindi fra lo 0,4 e lo 0,6%) e dello 0,3% sugli altri edifici (con un conto finala oscillante fra lo 0,46% e l’1,06%). Da notare che gli immobili concessi in comodato ai parenti che vi risiedono non sono più equiparati alla prima casa e quindi pagano l’Imu (mentre non pagavano l’Ici).

Quali sono i coefficienti di rivalutazione delle categorie catastali?
Il coefficiente più alto è del 160 e si applica ad abitazioni, box, magazzini e tettoie; all’atto pratico questo vuol dire che per le case la rendita catastale, già aumentata del 5%, va aumentata di un altro 60%. I coefficienti delle altre categorie catastali sono: 130 per i terreni agricoli; 110 per i terreni di coltivatori diretti e imprenditori iscritti alla previdenza agricola; 140 per scuole, uffici pubblici, caserme, laboratori artigiani, palestre e stabilimenti balneari; 80 per banche e assicurazioni; 60 nel solo 2012 (e 65 dal 2013) per gli immobili destinati a usi produttivi; e 55 per negozi e botteghe. Al valore ottenuto si calcola il moltiplicare dell’aliquota.

I Comuni hanno già fissato le aliquote nella parte che a loro compete?
La risposta è molto più no che sì, nel senso che per adesso ha deciso che cosa fare (più o meno) un Comune su dieci, mentre gli altri aspettano di vedere il testo definitivo per regolarsi di conseguenza. Comunque si sa già che la tendenza sarà a spremere il massimo, cercando di avere la mano più leggera sulle prime case.

Quali sono le scadenze dell’Imu?
Come detto entro il 16 giugno si paga «il 50% dell’importo ottenuto applicando le aliquote di base e la detrazione previste». In vista del conguaglio, entro il 10 dicembre (e non, come previsto finora, entro il 31 luglio) il governo «provvederà, sulla base del gettito della prima rata, alla modifica delle aliquote». Entro il 30 settembre i Comuni, sulla base dei dati aggiornati, «possono approvare o modificare il regolamento e la deliberazione relativa alle aliquote». Quanto alle detrazioni sulla prima casa è confermato che ammonteranno a 200 euro fissi, a cui si potranno aggiungere altri 50 euro per ogni figlio convivente, anche se maggiorenne (fino a 26 anni di età) per un massimo di 8 figli e quindi un totale di altri 400 euro di sconto. Ci sono poi scadenze specifiche per i terreni agricoli e i fabbricati destinati all’uso agricolo.

Fonte “La Stampa.it” a cura di Luigi Grassia

Print Friendly, PDF & Email

Questo articolo è stato visualizzato 691 volte

One Response to COME SI CALCOLA LA NUOVA IMU

  1. avatar

    admin Rispondi

    5 Aprile 2012 at 12:49

    Per effetto degli automatismi legislativi statali, l’aliquota omplessiva dell’
    Addizionale regionale all’Irpef applicabile in Siciliaè rideterminata all’1,73% con decorrenza dall’anno d’imposta 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.