Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

565 views

COLTIVIAMO SVILUPPO

In occasione del Forum regionale ”Coltiviamo sviluppo in Sicilia, terra del tuo futuro”, l’assessore regionale per le Risorse agricole e alimentari Elio D’Antrassi e l’Autorita’ di gestione del Psr Sicilia 2007-2013, Rosaria Barresi, hanno presentato quattro nuovi bandi del Psr Sicilia 2007-2013. Si tratta della Misura 213, che prevede investimenti per 9.330.000 euro destinati alla sostenibilita’ delle attivita’ agricole nei siti della ”Rete Natura 2000” .
”L’obiettivo – ha detto Elio D’Antrassi – e’ il mantenimento di ecosistemi agricoli a tutela di habitat di grande pregio naturalistico”.
Il bando e’ rivolto a imprenditori agricoli singoli e associati, che potranno beneficiare di ulteriori 3.600.000 euro assegnati alla misura 214/1 (azione F) per la ”Conversione dei seminativi in pascoli permanenti”.
”L’investimento e’ dedicato alla tutela della biodiversita’ – ha spiegato l’assessore -, saranno convertiti superfici coltivate a seminativo in pascoli permanenti per ridurre l’impatto negativo del sistema agricolo sulla flora e sulla fauna spontanee”.
E’ partita anche la misura 114 per l”’Utilizzo dei servizi di consulenza in agricoltura e silvicoltura”, con una dote finanziaria di 5.520.000 euro. La misura punta ad accrescere la diffusione delle conoscenze sulle norme in materia di ambiente, sanita’ pubblica, salute delle piante e degli animali, ma anche delle competenze strategiche degli imprenditori, attraverso il finaziamento di un servizio di consulenza erogato da organismi accredidati.
Con un ulteriore investimento di 2.350.000 che finanziera’ la misura 321/B (azione 2) per il ”Sostegno agli utenti riguardo l’acquisto di terminali di utente che consentano un collegamento a larga banda, nelle aree rurali molto marginali”, l’amministrazione sosterra’ l’utilizzo di tecnologie alternative in grado di superare il divario digitale per i residenti in aree scarsamente popolate, in modo da rendere possibile un collegamento a larga banda in luoghi dove non si puo’ intervenire con infrastrutture terrestri.

Print Friendly, PDF & Email

Questo articolo è stato visualizzato 503 volte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.