Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

1.245 views

CIMITERO DI NOTO: IN TOTALE E VERGOGNOSO ABBANDONO LA CAPPELLA DEL BENEMERITO PRINCIPE CORRADO NICOLACI DI VILLADORATA!

cappellalapideChi sia stato e cosa abbia significato per la Città di Noto nel secondo   Novecento la figura e la benemerita opera dell’ultimo Principe di Villadorata, dott. Corrado Nicolaci (Noto,07.01.1918-31.10.2004), non è   facile a dirsi né a scriversi da parte mia, anche perché dagli anni Settanta   di quel secolo alle soglie del Duemila gli sono stato sinceramente amico e devoto, sempre da Lui ricambiato con eguale benevolenza: basterà   sapere che era il primo a documentarsi sulle mie pubblicazioni librarie o giornalistiche e che mi telefonava chiedendole giammai gratuitamente!

degradoLasciando ad Altri l’incarico d’illustrare una sì nobile Personalità Netina,   più e meglio di quanto non si sia fatto abbastanza sino ad oggi, memore   dell’antica reciproca stima ed amicizia – dopo aver visto e fotografato la  Cappella Villadorata, da troppo tempo al Cimitero di Noto abbandonata  nel più totale e vergognoso abbandono – lascio ai Lettori ogni riflessione   di merito sulle mie foto del giorno 2 Novembre 2015 qui pubblicate.

foto nicolaciQueste ci “parlano” d’un oltraggio insopportabile verso l’Uomo ed il   Mecenate d’una Città come la nostra che, all’incomprensibile oblìo da   parte degli ingrati Eredi, si rivolge a nome di tutti i Netini e mio tramite   direttamente al Sindaco dott. Corrado Bonfanti affinché – pur nulla   dovendo – generosamente provveda a far ripristinare quel minimo   d’umano decoro alla tomba del Principe di Villadorata, dott. Corrado   Nicolaci, al cui nome ancor oggi tutta Noto s’inchina riconoscente!

Biagio Iacono

Print Friendly, PDF & Email

Questo articolo è stato visualizzato 1.677 volte

One Response to CIMITERO DI NOTO: IN TOTALE E VERGOGNOSO ABBANDONO LA CAPPELLA DEL BENEMERITO PRINCIPE CORRADO NICOLACI DI VILLADORATA!

Rispondi a Roberto Bellassai Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.