Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

703 views

BONFANTI SI VUOL RIPRENDERE L’ACQUA

sindaco_corrado_bonfanti-234x200Il Sindaco di Noto, Corrado Bonfanti, va oltre le ambigue dichiarazione del comunicato del PD locale, partito di riferimento della maggioranza che lo sostiene a Palazzo Ducezio e si dichiara per la gestione diretta del servizio idrico seguito a ruota dai sindaci di Floridia, Scalorino e da quello di  Solarino,  Scorpo.

Nel ripetere la mia decisione per una gestione diretta del servizio, non posso fare altro che seguire con la massima partecipazione l’evoluzione della contorta vicenda, assumendo tutte le determinazioni che facciano emergere la difesa dei diritti inderogabili dei miei concittadini”

Quando registrato in questi ultimi mesi in tema di Servizio Idrico Integrato – dice Corrado Bofanti – è tipico di questa nostra martoriata regione Siciliana e delle immancabili incongruenze politico-amministrative. Non esiste nessuna soluzione percorribile che non sia quella della ripubblicizzazione del servizio così come sancito dal responso referendario. Le iniziative, post fallimento Sai8, sono il frutto di una preoccupazione legata alla continuità del servizio a causa della paventata incapacità degli Enti pubblici alla gestione diretta a causa della lunga interruzione coincidente con il periodo fallimentare a gestione privata. Sia il Governo regionale, con l’ex Assessore Marino coadiuvato dal commissario Buceti, che la Curatela Fallimentare, si sono cimentati in progetti di gestione che, a oggi, non hanno ancora prodotto uno stralcio di piano industriale valutabile. Progetti di gestione che hanno avuto come unico e solo obiettivo quello di salvaguardare la continuità del servizio e di assicurare a tutti i soggetti coinvolti, lavoratori, imprese e utenti, per quanto possibile, il soddisfacimento delle relative legittime aspettative>>.

In questo periodo tutti i Comuni coinvolti – dice Corrado Bonfanti – si sono attivati per approntare un’organizzazione all’altezza del compito e il Comune di Noto è stato ed è tra i più attivi nell’ideazione e proposizione di soluzioni adeguate e sostenibili di gestione in house, singola e in sub ambito. E’ comunque incontestabile che la parola definitiva spetta all’ATO Idrico di Siracusa, unico concessionario dal quale bisogna ricevere le opportune autorizzazioni. Non è pensabile che le dichiarazioni dell’ex Assessore Marino, persona seria e corretta, circa la determinazione di ritornare ad ogni costo alla gestione pubblica del SII, siano state il frutto di una decisione personale; è, invece, certo che quanto finora oggetto d’intervento da parte dell’Assessorato e del Commissario Ato, siano la logica emanazione di direttive del governo regionale. Se questo è vero com’è vero, nessun dubbio circa la posizione che assumerà il neo Assessore Calleri e la sua diretta emanazione commissariale, in sede Ato, di prossima nomina. Resta, per ultimo, non certo per importanza della soluzione contenuta, il DDL Vinciullo/De Marco, incardinato tra i punti in discussione all’ARS il prossimo 23 aprile.

L’approvazione della norma se da un lato consente una perequazione di trattamento per i 21 comuni riconducibili al nostro Ambito, dall’altra provocherebbe lo sconforto di alcuni dei Comuni “obbedienti” del tutto impreparati alla gestione diretta.

Secondo la mia interpretazione questa ultima frase è riferita all’incapacità e l’impossibilità da parte del comune di Siracusa a far fronte alla gestione diretta del servizio idrico evidenziando come in tutti questi mesi il sindaco  Garozzo ha semplicemente posto in essere azioni dilatorie per arrivare infine all’affitto di Sai8 alla società privata che lo sgraverebbe da tanti e tanti problemi.

Fa bene il Sindaco Bonfanti a sciogliersi da questi abbracci mortali, come farebbe bene il partito democratico di Noto ad essere più deciso nelle proprie scelte.

Carmelo Filingeri


Questo articolo è stato visualizzato 427 volte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *